Windows Modern Standby può interrompere il backup

Traduzione e adattamento a cura di Naonis dell’articolo apparso nel sito del produttore al seguente link

Se state usando Windows 10 e avete sperimentato casi in cui il vostro computer non è riuscito a svegliarsi per eseguire un backup programmato, allora potreste essere una delle tante vittime inconsapevoli del Modern Standby (sleep state S0ix). Il seguente documento cerca di spiegare cosa sia il Modern Standby e perché può rendere insicuri i vostri backup e quali passi potete fare per mitigarlo.

Interfaccia di configurazione e alimentazione avanzata (ACPI)

Nel dicembre 1996, Intel, Microsoft e alcuni altri fornitori di hardware hanno proposto uno standard aperto chiamato Advanced Configuration and Power Interface (ACPI) per offrire una gestione dell’alimentazione e la sua configurazione indipendenti dal sistema operativo.

Da allora, ci sono state numerose revisioni di questo standard ACPI (l’ultima, la revisione 6.4, è stata pubblicata nel gennaio 2021) ed è ora supportato in quasi tutti i componenti PC supportati da Windows.

La specifica ACPI definisce sei stati di sospensione (S) come segue:

S0 – Il computer è in funzione e la CPU sta eseguendo istruzioni

S1 – Stato di sonno a bassa latenza di risveglio. Nessun contesto di sistema è perso nella CPU o nel chipset.

S2 – Stato di riposo a bassa latenza di risveglio. Questo stato è simile allo stato di sonno S1 con l’eccezione che i dati della CPU e della cache di sistema saranno persi.

S3 – Stato di sonno a bassa latenza di risveglio in cui tutto lo stato del sistema è perso tranne la memoria di sistema.

S4 – Stato di sonno con la più bassa potenza e la più lunga latenza di risveglio. Per ridurre la potenza al minimo, tutti i dispositivi sono spenti.

S5 – Quasi lo stesso di S3, tranne che l’unità di alimentazione (PSU) fornisce ancora energia, al minimo, al pulsante di accensione per permettere il ritorno a S0. È necessario un riavvio completo. Nessun contenuto precedente viene mantenuto. Altri componenti possono rimanere alimentati in modo che il computer possa “svegliarsi” su input da tastiera, orologio, modem, LAN, o dispositivo USB.

S0ix – Standby moderno o S0 inattivo a bassa potenza.

Windows 10

In Windows 10 sono supportati due modelli diversi di alimentazione per i PC: S3 e Modern Standby (S0xi).

Lo stato di Modern Standby si avvia quando l’utente chiede l’entrata del sistema nello stato di sospensione (ad esempio, l’utente che preme il pulsante di accensione, chiude il coperchio, dopo un determinato di tempo di inattività, o seleziona la modalità sospensione dal pulsante di accensione nel menu Start di Windows).

Il basso consumo di energia si ottiene risvegliando lo stato di alimentazione più basso solo quando è assolutamente necessario e permettendo al software specializzato di eseguire solo brevi e controllati picchi di attività e riducendo drasticamente le opportunità di esecuzione dei componenti software.

Windows 11

Ad oggi, non ci sono indicazioni che le cose siano cambiate, ma Macrium fornirà un aggiornamento nel caso  dovessero cambiare.

Applicazioni Windows Native

Le applicazioni native di Windows, come Macrium Reflect e il Task Scheduler di Windows, non possono essere configurate per svegliarsi dallo stato di risparmio energetico più basso, o per impedire che un sistema entri nello stato di risparmio energetico più basso, e non ricevono alcuna notifica che il sistema sta passando in Modern Standby.

Sfortunatamente, se Modern Standby è abilitato sul vostro sistema, allora potreste notare che il vostro computer non si risveglia per eseguire i backup pianificati o che i backup in esecuzione sono bruscamente cancellati dal passaggio allo stato di Modern Standby.

Come determinare se Modern Standby è abilitato?

Per determinare se Modern Standby è abilitato sulla vostra installazione di Windows, potete eseguire il comando powercfg come segue:

powercfg /a

Questo produrrà un rapporto simile al seguente:

I seguenti stati di sospensione sono disponibili su questo sistema:

Standby (S0 Low Power Idle) Rete connessa

Ibernazione

I seguenti stati di sospensione non sono disponibili su questo sistema:

Standby (S1)

Il firmware del sistema non supporta questo stato di standby.

Questo stato di standby è disabilitato quando S0 low power idle è supportato.

Standby (S2)

Il firmware del sistema non supporta questo stato di standby.

Questo stato di standby è disabilitato quando è supportato l’inattività a basso consumo S0.

Standby (S3)

Il firmware del sistema non supporta questo stato di standby.

Questo stato di standby è disabilitato quando è supportato l’inattività a basso consumo S0.

Sospensione ibrida

Lo standby (S3) non è disponibile.

Avvio veloce

Questa azione è disabilitata nella politica di sistema corrente.

Possibili Soluzioni

Fino alla versione 2004 di Windows 10, era possibile disabilitare Modern Standby e tornare all’S3 standard modificando direttamente il Registro di sistema:

REG ADD HKLM\System\CurrentControlSet\ControlPower /v CsEnabled /t REG_DWORD /d 0

In Windows 10 versione 2004, Microsoft ha rimosso questa impostazione, tuttavia, un’altra impostazione è stata introdotta in Windows 20H2.

REG ADD HKLM\System\CurrentControlSet\Control\Power /v PlatformAoAcOverride /t REG_DWORD /d 0

Ci sono opinioni contrastanti sul fatto che le chiavi di registro di cui sopra disabilitino con successo il Modern Standby che sembrano dipendere dall’hardware sottostante.

Potrebbe anche essere possibile disabilitare Modern Standby nel BIOS del sistema, tuttavia, ci sono indicazioni che questo può portare Windows a diventare instabile. Ci sono alcune segnalazioni che ritengono necessaria la reinstallazione di Windows dopo aver modificato l’impostazione nel BIOS per ripristinarne la stabilità.

Riassunto

Fino ad oggi, Microsoft ha fornito pochissima documentazione tecnica per quanto riguarda il supporto di Modern Standby in Windows e gli sviluppatori di software su Internet stanno lottando con informazioni contrastanti sull’argomento. In Macrium stanno lavorando duramente per trovare una soluzione e non appena sarà disponibile, questa sarà inclusa in un futuro aggiornamento.